Noleggio auto con conducente Pesaro - TRANSFEROK.IT Ncc Pesaro noleggio con autista Pesaro

Vai ai contenuti
NOLEGGIO NCC > MARCHE
Ncc Pesaro auto di rappresentanza con autista Pesaro,  noleggio auto e minivan con conducente Pesaro - Ncc Pesaro


Noleggio auto con conducente Pesaro
Cell: +39 340.85.25.936

Società: Mauro Ragaini ncc

Ottieni lo sconto del 5% su tutti i transfer avvisando che ci hai trovato su Transfer Ok
Sconto del 5% se quando chiami o mandi una e-mail comunichi questo codice: (transferok0000 - sconto 5%)
Ncc Pesaro
Descrizione servizi
La nostra azienda opera nel settore del noleggio auto e minivan con conducente nelle Marche, effettuiamo transfer pe raziende e per privati.
Servizi transfer con Auto di rappresentanza da Pesaro ai vari aeroporti e città e viceversa
Ncc Pesaro per qualsiasi esigenza di trasporto persone, da e per qualsiasi destinazione (porti, aeroporti, stazioni ferroviarie, località turistiche, ecc.) in Italia e in Europa. 24 su 24 festivi compresi.
Trasporto di effetti personali (bagagli, effetti personali  plichi urgenti e riservati, ecc.)
Noleggio con conducente Pesaro per turisno, transfer da e per aeroporto Rimini - Ancona - Bologna
Noleggio con conducente Urbino
Noleggio con conducente Rimini
Noleggio con conducente Cattolica
Noleggio con conducente Fano
Noleggio con conducente Riccione
Noleggio auto con conducente aeroporto Bologna
Noleggio auto con conducente aeroporto Rimini
Noleggio auto con conducente Pesaro Urbino
Noleggio  con conducente per transfer aziendale Pesaro Urbino
Noleggio macchina con conducente Pesaro
Ncc Pesaro Urbino
Auto blu Pesaro Urbino
Taxi privato Pesaro Urbino



PESARO/URBINO in AUTO/MINIVAN
In bici, in moto o a piedi, Pesaro e Urbino meritano più di una visita! Annoverate tra le “salubri” capitali della bicicletta, (1 pesarese su 3 la usa come mezzo principale) non è un caso che Pesaro abbia una forte tradizione motociclistica. Qui nacque la Benelli, storica casa motociclistica, oltre che famosi assi della velocità tra cui il celebre Valentino Rossi.

FULCRO PESARESE! – LA PIAZZA DEL POPOLO e LA FONTANA TREBBIO
Pesaro. Geometrica e rigorosa, lineare ed essenziale Piazza del popolo è delimitata sui quattro lati dagli edifici che la contengono: il palazzo sede delle Poste italiane, il Palazzo Ducale, il Baviera e il Comune. È situata all'incrocio del cardo che coincide con la sezione urbana della via Flaminia e con il decumano dell’originaria città romana. Al centro, in un gioco di linee diagonali che si intersecano, sorge la fontana ottagonale del Trebbio, fulcro della piazza. La pietra d'Istria e il marmo veronese la “tingono” di bianco e di rosso. La vasca, alimentata dall’acquedotto cittadino, conserva “al fresco” tra le sue acque le sculture di otto mascheroni, delfini e cavalli-tritoni. Il progetto definitivo fu di Lorenzo Ottoni che impose un gran numero di getti d'acqua, non solo a finalità estetiche, ma soprattutto a scopo pratico: la fontana era punto di ristoro per la popolazione che aveva l’usanza di condurvi il bestiame da abbeverare e i carri da lavare.

IDENTITA’ DI PIAZZA DEL POPOLO – IL PALAZZO DUCALE
Pesaro. Una cortina merlata che posa le sue fondamenta in Piazza del Popolo, il Palazzo Ducale! Di matrice rinascimentale, oggi è sede della prefettura. Venne eretto da Alessandro Sforza su un nucleo originario posseduto dai Malatesta. Un portico a colonnato d’archi, finestre sormontate dai rispettivi decori, la linea merlata che lo separa dal cielo, compongono la facciata che dà la caratteristica identità alla Piazza. Prima che i suoi tesori venissero profanati (la maggior parte oggi risiedono a Firenze) le antiche stanze erano ornate da quadri di Signori artisti dallo spessore di Raffaello, Bronzino, Tiziano, Bassano, Barocci. L’ambiente più significativo del palazzo si trova al piano superiore ed è il Salone Metaurense, costruito da Alessandro Sforza: il pavimento e il bel soffitto a cassettoni furono realizzati in onore dei Della Rovere.

LA “PALLA DI POMODORO” – LA SFERA GRANDE
Pesaro. Un futuristico gioco di specchi e riflessi… Un monolite “atterrato”, imprigionato e adagiato nel fulcro del cerchio perfetto della fontana che lo accoglie! Da qui la vista corre direttamente al mare, posto in secondo piano, in un gioco di prospettive, alle spalle della fontana. Una “palla” erosa (per qualche arcano motivo) e che mostra all’interno la nudità degli ingranaggi che la compongono e che forse le danno vita! Questa bizzarra e imponente Sfera è la fusione in bronzo realizzata dallo scultore Arnaldo Pomodoro. Turisti e pesaresi si sono affezionati a questa singolare entità di Piazza Libertà iniziando a chiamarla familiarmente “Palla di Pomodoro”. Da allora la Sfera Grande è diventata inequivocabile punto di riferimento stradale e pedonale: la rotondità delle sue forme è facilmente visibile e distinguibile da qualsiasi punto la si osservi, vicino o lontano che sia!

LA PRIMA PIETRA! – LA VILLA IMPERIALE
Immersa nel verde delle colline marchigiane la Villa Imperiale è un’antica dimora signorile extraurbana sul Monte San Bartolo a pochi chilometri dal centro cittadino di Pesaro. Molti elementi la contraddistinguono: l’ampio Belvedere sulle colline circostanti contenuto da una balaustra composta da minute e minuziose colonnine a perdita d’occhio, l’alta torre, i labirinti di cespugli, le geometriche aiuole floreali che decorano l’interno del cortile porticato, la successone di nicchie, volte e cupole che compongono le sue mura nelle quali sono incastonati vasi in terracotta… Il suo nome sta nella prima pietra deposta! Infatti l’imperatore Federico III che soggiornò a Pesaro da Alessandro Sforza, (committente della villa), venne invitato dallo stesso a vedere il sito su cui intendeva erigere la residenza. L’imperatore lì vi pose la sua prima pietra: da allora la villa è nota col nome che comunemente conosciamo, la Villa Imperiale. Adagiata sul colle che la sostiene, grazie a un sistema di terrazzamenti, presenta una predominanza di spazi aperti, “estensioni” della natura circostante: logge, giardini e cortili, luogo ideale di svago e soggiorno per i Duchi e i loro ospiti. L’interno è impreziosito e valorizzato da un ciclo di preziosi affreschi.

Torna ai contenuti